Buffer

lenticchie in umidoUn piatto facile e sano per una cena semplice, ma gustosa? Vi propongo le mie lenticchie in umido, in versione vegan: sono prive di qualsiasi prodotto animale o derivato e sono facilissime da realizzare. E’ un piatto da riciclo, nato dall’esigenza di recuperare delle lenticchie che avevo già lessato per la realizzazione di un altro piatto, che ho deciso di rielaborare leggermente. Se accompagnate da verdure crude o cotte – queste lenticchie diventano a tutti gli effetti un piatto unico proteico e saporito.

Lenticchie in umido: ingredienti per 2 persone

400 g di lenticchie
1 gambo di sedano
1 carota
1 cipolla piccola
erba cipollina a piacere
6-7 pomodori pachino (o vesuviani)
sale
pepe
2 cucchiai di olio EVO
mezzo bicchiere di vino bianco o birra chiara

Preparazione delle lenticchie in umido:

  1. Mettete una pentola d’acqua sul fuoco e quando arriva a bollore versate le lenticchie. Lasciatele cuocere per circa 30 minuti, avendo cura di mescolarle spesso.
  2. Nel frattempo preparate un battuto di sedano, carota e cipolla, come per un normale sugo o ragout: lavate e pulite le verdure, poi tagliatele a pezzetti e infine – con la mezzaluna o un tritatutto – preparate un trito finissimo.
  3. Quando le lenticchie saranno cotte, scolatele e mettetele da parte. A questo punto, versate l’olio in una padella, fatelo scaldare per 1-2 minuti, poi unite il trito di verdure, salate a piacere, mescolate bene e fate appassire per 2-3 minuti a fuoco medio.
  4. Aggiungete quindi le lenticchie, i pomodorini tagliati a metà, mescolate bene, quindi unite il vino (o la birra), rimestate ancora e lasciate cuocere per altri 10-12 minuti, poi insaporite con erbette a piacere (io consiglio l’erba cipollina) e servite!
Print Friendly
Lenticchie in umido vegan
Verdiana

Verdiana


Mi chiamo Verdiana Amorosi, ho 34 anni, vivo a Roma, ma mi sento a casa in qualsiasi posto del mondo. Adoro i viaggi, la cucina, i libri, le passeggiate all'aria aperta e i paesaggi provenzali. Dopo la laurea in lingue e letterature straniere, ho deciso di dedicarmi al giornalismo, sono diventata pubblicista e dopo alcuni anni di collaborazioni in vari settori ho virato definitivamente verso il web marketing. Oggi mi occupo di search marketing e - oltre ad adorare il mio lavoro e il mondo internet - ho una grande passione per il cibo sano e di qualità. Ho seguito corsi di cucina e panificazione tenuti da Sara Papa e nel tempo libero mi diverto a sperimentare nuove ricette o a rivisitare quelle tradizionali.


Post navigation


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *