Food experience Mondadori 2013: 5 giorni di sperimenti culinari

Filippo La MantiaAprirà i battenti domani, 10 aprile, la Food Experience Mondadori, un grande festival della cultura gastronomica, che si terrà fino al 14 aprile a Milano, al Magna Pars in via Tortona 15.

L’evento – realizzato con la collaborazione di Sale&Pepe, Mondadori Electa e Donnamoderna.com – sarà animato da showcooking d’autore, presentazioni e dimostrazioni, spettacoli di food&design, dove professionisti e appassionati del settore potranno provare nuove esperienze, ma anche tanti spunti creativi utili.

La Food Experience Mondadori è un’occasione di incontro e confronto per godersi degustazioni e percorsi gourmet a tema, con ricette di grandi chef stellati e designer del cibo, in occasione delle celebrazioni del FuoriSalone.
Una formula innovativa del Sistema cucina di Mondadori per arricchire la “design week” milanese con proposte originali che solleticano il palato e la mente.

Ma c’è di più, perché la Food Experience Mondadori è anche un’occasione per coinvolgere appassionati del food e del design (e non solo), che potranno vedere e apprezzare da vicino gli interventi e le dimostrazioni di chef stellati di fama internazionale, ma anche esperti gastronomici, persone impegnate da anni nella valorizzazione del cibo, artisti e scrittori che raccontano ed esaltano la tavola in tutte le sue forme.

Food Experience Mondadori: programma e orari

Nei cinque giorni del festival culinario – a partire dalle 12.00 fino alle 21.00, si alterneranno gli showcooking e le esibizioni dei grandi protagonisti della cucina italiana, come gli chef Filippo La Mantia, Claudio Sadler, Fabio Barbaglini, Marco Sacco, Viviana Varese, Andrea Aprea, Massimo Moroni, Simone Salvini, Andrea Provenzani, Luca Iaccarino e Bonetta Dell’Oglio.
Ma ci sarà anche il disegnatore Gianluca Biscalchin, con i suoi ritratti di chef, e l’intagliatrice Elisa Vismara, che mostrerà le sue opere d’arte realizzate meticolosamente con la frutta e la verdura.

Food Experience Mondadori è anche online sulla pagina Facebook di Sale&Pepe: gli utenti potranno seguire l’evento tutti i giorni, in diretta dagli showcooking, per apprendere videoricette, vedere le interviste, leggere le news e scoprire le foto del festival.
Le immagini più belle scattate dai visitatori, che verranno pubblicate su Twitter e Instagram con l’hashtag #SPfoodMI, saranno selezionate e ripubblicate sulla fan page di Sale&Pepe.
Su Donnamoderna.com/foodexperience grazie al test #FoodMI: “e tu, che cibo sei?”, le lettrici potranno scoprire quale ingrediente le rappresenta meglio e condividere il risultato sui social network.

Utilizzando poi l’hashtag #FoodMi sarà possibile inviare le foto dei piatti preparati dalle lettrici con i cibi a loro più affini e ricevere regali esclusivi.
Inoltre, sabato 13 aprile, alle ore 16.45, Donnamoderna.com incontra le sue utenti al Magna Pars con uno speciale showcooking della foodblogger texana Laurel Evans (www.unamericanaincucina.com) che preparerà dal vivo un piatto basato sull’ingrediente in cima alle preferenze del test #FoodMi.

Brodo vegetale fatto in casa

brodo vegetale come si preparaIl brodo vegetale fatto in casa è un’ottima alternativa al brodo realizzato con il dado, un ingrediente sicuramente facile da trovare in qualsiasi supermercato, ma davvero poco salutare.
Se il brodo di carne è normalmente fatto con resti di ossa e di unghie di animali di dubbia provenienza, quello vegetale comunemente in commercio è fatto con grassi vegetali idrogenati (normalmente l’olio di palma che è nocivo), esaltatori di sapidità (ovvero sale allo stato puro), glutammato monosodico (che secondo diverse fonti scientifiche causa il mal di testa), e nella migliore delle ipotesi contiene solo il 10% di verdure disidratate.

Morale? Fatelo in casa e ne guadagnerete in gusto e salute!
Prepararlo è una sciocchezza, soprattutto se seguirete queste semplici indicazioni.

Ingredienti per 2 litri di brodo vegetale:
3 litri di acqua
1 carota sbucciata e tagliata in 3-4 pezzi
2 coste di sedano
2 spicchi di aglio vestiti
1 cipolla grande tagliata in due
1 patata piccola sbucciata ma intera
2 pomodori tagliati a pezzi
1 mazzetto di prezzemolo
1 rametto di timo
1 rametto di maggiorana
erba cipollina a piacere
a piacere tutte le verdure lavate e pulite che – per qualsiasi motivo – vi avanzano in casa: rape, spinaci, broccoli, ma anche le foglie di carciofi che normalmente vengono buttate, zucchine tagliate a pezzi grossolani, ecc.
1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
noce moscata a piacere
peperoncino
sale

Come si prepara il brodo vegetale:

    • Lavate tutte le verdure e gli odori, tagliatele grossolanamente e mettetele in una pentola capiente e copritele con 3 litri di acqua. Mettete a fuoco vivace, coprite con il coperchio e aspettate che il tutto arrivi a bollore.

 

    • Togliete il coperchio, abbassate il fuoco al minimo, aggiungete 2-3 prese di sale grosso e lasciate bollire per circa 40 minuti.

 

    • Trascorso questo tempo, togliete – con un mestolo forato – tutte le verdure e gli odori, aggiungete l’olio, la noce moscata, il peperoncino (a piacere), mescolate e spegnete il fornello.

A questo punto il brodo vegetale è pronto; potete usarlo come base per tantissimi piatti diversi: una semplice minestra cui aggiungere della pastina all’uovo, per far cuocere il risotto, il farro o il grano, per allungare il sughetto della carne, per far bollire (e insaporire) i legumi, per far cuocere il pesce dopo averlo rosolato in una padella con dell’olio.
Insomma, una volta pronto, potete sbizzarrirvi, ma soprattutto – una volta completamente freddato – potete conservarlo nei barattoli di vetro e lasciarlo in frigo per 4-5 giorni.
In alternativa, sempre una volta freddato, potete versarlo in un contenitore di plastica e surgelarlo (si conserva fino a 3 mesi circa).

Barchette brisé con mousse di prosciutto cotto, verza e formaggio

barchette-di-brise-con-mousse-di-prosciutto-e-verzaAvete degli avanzi da riciclare dalle feste di Pasqua? Oppure volete semplicemente recuperare in modo creativo alcuni cibi che avete nel frigo e che rischiano di finire nella spazzatura?
Ecco delle simpatiche e golose barchette di brisé, da riempire con una mousse fatta in casa con gli avanzi del frigo, che si prestano per tante occasioni differenti: come antipasto, per buffet e aperitivi, perfino per compleanni e cerimonie!

Per il ripieno, ho indicato naturalmente quello che mi sembrava più adatto per una mousse e ho usato prosciutto cotto, verza e formaggio spalmabile, ma voi potete utilizzare gli ingredienti che preferite: zucchine, zucca, broccolo lessati fino a farli diventare morbidissimi, uniti a salmone e/o formaggi morbidi, come ad esempio il caprino o la ricotta fresca. L’importante è realizzare una mousse più o meno omogenea da poter usare come farcia per le barchette brisé.

Ingredienti:
1 rotolo di pasta brisé (potete farla in casa con questa ricetta)
200 g di prosciutto cotto
100 g di verza
150 g di formaggio quark spalmabile (come il Philadelphia)
pepe
3-4 cucchiai di latte

Preparazione:
1) Stendete la pasta sfoglia sul vostro piano da lavoro e con dei coppa-pasta ritagliate tante pezzature quante sono le vostre formine da crostatine. Foderate le formine con la carta da forno e sistemate la pasta ritagliata all’interno di ciascuna formina, facendo uscire appena un centimetro di pasta di bordi.

barchette-da-cuocere-per-antipasto
Una volta foderate tutte le formine, mettete in forno preriscaldato a 180 gradi per 15 minuti, o fino a quando non saranno ben dorate, poi sfornate, lasciatele freddare completamente, quindi sformate le barchette ottenute e mettetele da parte.

2) Nel frattempo, preparate la mousse: tagliate il prosciutto cotto a pezzettini, mettetelo nel mixer, aggiungete del pepe,  il latte e frullate fino ad ottenere una crema omogenea.

3) Trasferite tutto in una terrina, aggiungete il formaggio quark, la verza cruda sminuzzata e mescolate fino ad ottenere una mousse.

frullate-il-prosciutto-e-unitelo-alla-verza-e-al-formaggio-quark

4) Montate le barchette poco prima di metterle in tavola, altrimenti la pasta brisé si ammolla e perde tutta la sua friabilità! Potete preparare la mousse e le barchette anche un paio di giorni prima, ma componetele alla fine!
Prima di servirle, decorate con fili di erba cipollina e pepe a piacere!

colomba fatta con il lievito di birra

Ricette Pasqua 2013

 

 

Ricette di Pasqua 2013: ecco una carrellata di proposte culinarie per il menu di Pasqua e Pasquetta!
Nella lista di piatti che vi propongo ci sono pietanze diverse tra loro, piatti semplici e veloci, specie nel caso dei rotolini da servire come antipasto, per chi non ha molta voglia (e molto tempo) di spadellare in cucina, ma anche ricette più complesse, che richiedono più tempo, ma che tuttavia possono essere preparate con anticipo, come la lasagna di broccoli, in modo da non dover correre all’ultimo minuto!

Leggi il menu di Pasqua 2014 ricette facili.

Gli antipasti di Pasqua e Pasquetta

Per l’antipasto di Pasqua, vi propongo il mio tortano senza strutto. Si tratta della ricetta napoletana originale, rivisitata personalmente in chiave light, dove al posto della “sugna” ho messo semplicemente l’olio extra vergine di oliva, che rende l’impasto meno pesante (e anche meno calorico).
In alternativa, potete preparare il casatiello napoletano, sempre per restare nell’ambito della cucina partenopea, che non mi appartiene ma che adoro.

Ma se preferite una ricetta più semplice e veloce, potete optare per i rotolini di crepes al forno di grano saraceno farciti con stracchino e rucola.

Questi rotolini – proprio come il tortano e il casatiello che abbiamo visto – possono essere preparate con largo anticipo e sono adatti anche per il pranzo al sacco e il pic nic di Pasquetta.

Primi piatti per il pranzo di Pasqua

Come primo piatto vi propongo una golosa lasagna di broccoli e prosciutto cotto, dove al posto della besciamella o la mozzarella potete usare la ricotta di capra, che rende il piatto meno pesante e meno calorico.

Come alternativa, potete preparare un risotto ai cereali con pesce e zafferano, un piatto decisamene più leggero, ideale per coloro che non amano la carne ma non vogliono rinunciare ad un piatto goloso e invitante.

Secondi piatti: ideali per il pic nic di Pasquetta

Come secondi piatti, vi propongo delle polpettine: una in versione “tradizionale”, a base di abbacchio e carciofi, per chi ama gli ingredienti tipici della Pasqua, e una in versione vegetariana, preparate con le melanzane, patate e mais.

I dolci di Pasqua: le mie colombe

Per Pasqua non poteva mancare la classica colomba, che vi propongo in due versioni: la colomba fatta con il lievito madre, preparata con latte di mandorle e decorata con mandorle e pistacchi, e quella decorata con la classica glassa di zucchero e mirtilli rossi dell’Alto Adige essiccati. Se invece, volete provare a realizzare la ricetta originale della pastiera, eccovi accontentati: qui troverete la spiegazione passo per passo per preparare il dolce più classico della tradizione pasquale partenopea.

Lasagna con broccoli e prosciutto cotto

lasagna con broccoli e prosciutto cotto a dadini iniLa lasagna con broccoli e prosciutto cotto a dadini che ho preparato qualche giorno fa è un primo piatto ideale per tante occasioni diverse: è perfetto per il pranzo di Natale o di Pasqua, perché preparato con ingredienti sempre disponibili (indipendentemente dalla stagione) e – sebbene ci siano dadini di pancetta sparsi qua e là – non rimane particolarmente pesante, perché l’ingrediente fondamentale sono i broccoli siciliani (naturalmente poteta farla con il broccolo o il cavolfiore) e la besciamella, se volete, potete sostituirla con la ricotta di capra, che rimane più leggera ed è meno calorica.

Ingredienti per una lasagna con broccoli e prosciutto cotto per 10 persone:

1 confezione e mezza di pasta all’uovo per lasagne (circa 350 g)
2 broccoli siciliani (o in alternativa 2 cavolfiori o broccoli piccoli)
1 pezzo di prosciutto cotto da 400-500 g (i pezzi di prosciutto cotto si trovano già pronti e incartati al banco frigo, oppure potete chiedere al salumiere di tagliare 2-3 fettone di prosciutto cotto spesse 1 cm circa)
500 g di besciamella (oppure 500 g di ricotta di capra freschissima)
1 mozzarella grande
100 g di parmigiano grattugiato
sale
pepe
erbette a piacere
30 g di burro a fiocchetti per la superficie (è il segreto per far venire la crosticina croccante sulla superficie)

Per fare in casa le sfoglie di pasta per la lasagna, potete seguire questa ricetta per i ravioli e fermarvi al 5° passaggio (alle sfoglie).

Preparazione:
Per prima cosa lessate il broccolo: lavatelo accuratamente, tagliatelo a pezzetti e lasciatelo da parte. Poi riempite una pentola d’acqua e mettetela sul fuoco; quando bolle salate l’acqua con 2-3 prese di sale grosso, calate il broccolo e lasciatelo bollire per circa 20 minuti, poi scolatelo e lasciatelo freddare nello scolapasta.

Tagliate il prosciutto cotto a dadini, la mozzarella a fettine sottili, oppure a dadini e preparatevi tutti gli ingredienti sul tavolo (in modo che non dovrete correre da una parte all’altra della cucina per recuperarli).

Una volta pronti tutti gli ingredienti, accendete il forno (statico) a 180 gradi e poi iniziare a comporre la lasagna:
prendete la teglia da forno più grande che avete, versate 3-4 cucchiai di besciamella (o ricotta) sul fondo della teglia e stendetela in modo da creare uno strato compatto, ma non troppo spesso (servirà solo per far cuocere la sfoglia di pasta, che altrimenti resterebbe asciutta e cruda sul fondo).
strato di besciamella o ricotta
strato di pasta all'uovo per lasagna

Coprite lo strato di besciamella con i fogli di pasta, coprite con un altro stato leggero di besciamella (o ricotta) e distribuite sulla superficie un paio di manciate di dadini di prosciutto cotto, coprite con metà del broccolo lessato, poi aggiungete metà della mozzarella e infine con metà del parmigiano grattugiato, mettete pepe ed erbette a piacere.

coprite con besciamella e prosciuttoCoprite di nuovo con la pasta, poi con la besciamella e ripetete di nuovo facendo un altro stato; terminate con il parmigiano e rifinite con dei fioccheti di burro, infornate e lasciate cuocere per 30-35 minuti, controllando – prima di toglierla dal forno – che la pasta sia ben cotta (deve essere giallina e non bianc) e la superficie leggermente abbrustolita).
aggiungete broccoli mozzarella e parmigiano
Una volta cotta, tiratela via dal forno, lasciatela riposare qualche minuto, quindi servitela. In alternativa, potete prepararla il giorno prima, riscaldarla il giorno dopo per 15 minuti e poi metterla in tavola.
lasagna con broccoli e prosciutto cottoVarianti
Potete utilizzare la ricotta come variante, sia al posto della besciamella, sia al posto della mozzarella.
strato di lasagna con ricotta
Oppure, per dare un aroma originale e particolare alla lasagna, potete usare la provola affumicata al posto della mozzarella.

Rotolini di crepes al forno di grano saraceno

rotolini di crepes al fornoI rotolini di crepes al forno sono un vero e proprio jolly in cucina: possono essere farciti con qualunque cosa abbiate nel frigorifero e preparati con grande anticipo.
In questo caso, all’impasto base delle crepes, realizzate normalmente con uova, latte, farina e burro, ho sostituito una parte della farina 0 con la farina di grano saraceno dell’Alto Adige per dare alla pasta un aroma più deciso e originale.
Una volta pronto l’impasto, l’ho fatto cuocere in forno (in questo caso ho realizzato un grande strato di crepes usando una teglia rettangolare), e una volta pronto, l’ho lasciato freddare e l’ho farcito con stracchino e rucola.
Naturalmente, potete farcirlo come volete: con prosciutto cotto e formaggio, con una mousse di verdure e sottilette, con mortadella e crema di pistacchi. Insomma, una volta pronta la base, potete sbizzarrirvi!

Ingredienti per 1 rotolo per 4-5 persone:
100 ml di latte
2 uova
20 g di amido di mais (oppure farina di tipo 1 oppure 0)
20 g di farina di grano saraceno
30 g di burro
1 pizzico di sale
1 pizzico di pepe
olio per la teglia
200 g di stracchino
1 mazzetto di rucola
1 punta di bicarbonato

Forse ti potrebbe interessare anche la ricetta per preparare i rotolini di crepes salate farciti con formaggio, salsiccia e verza

Come si preparano i rotolini di crepes al forno:

La preparazione di questi golosi e simpatici rotolini è semplicissima e parte con la realizzazione dell’impasto per le crepes, con l’unica variante della farina di grano saraceno.

Accendete il forno a 180 gradi (statico), poi in una terrina battete le uova, con una frusta, aggiungete il sale, il burro fuso (fatelo sciogliere nel microonde per 30 secondi oppure a bagnomaria), il latte e mescolate ancora.

Aggiungete l’amido di mais e la farina di grano saraceno – entrambi passati al setaccio – unite il bicarbonato e mescolate fino a quando non avrete ottenuto un composto liscio ed omogeneo.

preparate l'impasto per le crepesVersate il composto in una teglia rettangolare (di dimensioni di circa 25 cm per 10 cm) ben oliata e infornate a 180 gradi per 10-15 minuti.

versate il composto della crepes in una teglia
Prima di tirarla fuori dal forno accertatevi che sia cotta anche all’interno, facendo la prova dello stuzzicadenti (infilate uno stecchino nell’impasto, se rimane asciutto vuol dire che la crepes è cotta, altrimenti – se resta un pò di impasto molle attaccato ci vuole ancora qualche minuto).

Una volta cotta la crepes, sfornate, lasciate freddare, poi toglietela dalla teglia e farcitela: stendete uno strato consistente di stracchino sulla crepes, coprite con la rucola tagliata a pezzettini, poi appoggiate lo strato di crepes farcita su un foglio di carta da forno e avvolgete delicatamente lo strato su se stesso, formando un rotolo stretto e compatto.

come formare il rotolo

Come formare il rotolo: che sia un pan di spagna -come quello nella foto – o una crepes, il procedimento è lo stesso. Arrotolate la pasta delicatamente, ma accertatevi che gli strati – nel momento in cui li piegate – aderiscano bene.

Mettete in frigo per almeno 2 ore, poi tiratelo fuori dal frigo, togliete la carta di alluminio e tagliatelo a fette.
rotolini di crepes al forno

Privacy Preference Center

    Close your account?

    Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?