Buffer
cos'è la quinoa

Cos’è la quinoa?

La quinoa è una pianta erbacea della famiglia delle Chenopodiaceae – nota tecnicamente con il nome di Chenopodium quinoa e associabile quindi alle piante degli spinaci e della barbabietola – commestibile e utilizzabile in cucina in tanti modi diversi: dall’antipasto al dolce. Dalla quinoa vengono ricavati chicchi commestibili, che possono essere utilizzati nell’alimentazione quotidiana, come se fossero dei cereali.In realtà, la quinoa – come detto sopra – non è un cereale dal punto di vista tecnico e rispetto ai cereali contiene una maggiore quantità di amminoacidi (tutti quelli di cui il nostro corpo ha bisogno), proprietà importante soprattutto per coloro che seguono una dieta vegetariana o vegana ed è quindi alla ricerca di proteine vegetali.

Cos’è la quinoa e quali sono le sue proprietà benefiche?

Grazie alla presenza delle saponine, che svolgono un’azione fondamentale per chi ha il colesterolo alto, la quinoa ha un sapore piuttosto amaro e va quindi risciacquata molto bene prima della cottura. La quinoa è decisamente proteica, se paragonata ad altre piante simili, perché per 100 grammi di quinoa cotta contengono circa si hanno circa 5 grammi di proteine. Guardando invece ai valori nutrizionali nel dettaglio, scopriamo che 100 g di quinoa non cotta forniscono appena 6 grammi di grassi (per la maggior parte di tipo insaturo), 64 grammi di carboidrati, 7 grammi di fibre e 14 grammi di proteine, 4,6 mg di ferro, 197 mg di magnesio, 47 mg di calcio, 457 mg di fosforo e 563 mg di potassio. In verità, la quinoa fornisce anche una discreta quantità di folati e di vitamine del gruppo B.

Grazie a tutte questi valori nutrizionali, la quinoa è un alimento benefico, perché il contenuto di proteine vegetali e di carboidrati è perfettamente equilibrato. Inoltre, i carboidrati presenti nella quinoa sono particolarmente benefici, soprattutto per l’intestino, perché sono composti principalmente da amido e fibre, che aiutano appunto il regolare fnzionamento dell’apparato intestinale.

Ma non è tutto, perché la quinoa non contiene glutine – e quindi può essere consumate anche dai celiaci – è ricca di antiossidanti (proprietà fondamentali per combattere i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento dei tessuti, e per prevenire malattie gravi come il cancro). La quinoa, inoltre, è un aiuto naturale contro il diabete, contribuisce a tenere sotto controllo l’appetito, aiuta il metabolismo e – se ben cotta – è facilmente digeribile.

Come si cucina la quinoa?

In verità, per cucinarla, basta lasciarla in ammollo in in acqua fredda per 30 minuti, scolarla e risciacquarla 4-5 volte per eliminare la maggior parte delle saponine responsabili del suo gusto amarognolo. Una volta ben sciacquata, va versata in una pentola di acqua bollente e cotta per 15-20 minuti al massimo. La quinoa è ben cotta e pronta per essere condita e servita quando i chicchi iniziano a diventare trasparenti.

Print Friendly

Lascia un Commento