Buffer
dove mangiare alla stazione termini

Dove mangiare bene alla stazione Termini di Roma

Finalmente, dopo giorni e giorni di rinvii – a causa di impegni di lavoro e studio, contrattempi vari, mariti, suocere e chi più ne ha più ne metta – sono riuscita ad incontrare Marie, la mia amica storica dell’Erasmus. Luogo d’incontro, naturalmente, la stazione Termini, comoda e strategica per entrambe.
Questa volta, però, al posto del solito giro in libreria, tra romanzi e saggi di autori francesi, abbiamo scelto di curiosare nella Terrazza Termini, una nuova zona commerciale di 3000 metri quadri, con negozi e aree dedicate ai passeggeri, situata all’ultimo piano della stazione e inaugurata solo qualche giorno fa. Per accedervi occorre passare dalla Galleria Centrale e dal Forum e si può salire sia con le scale mobili che con gli ascensori, un dettaglio non da poco vista la mia sciatica che ancora non mi abbandona del tutto.

Una volta arrivati in cima alle scale, la sensazione è di essere catapultati in un’altra dimensione, lontane dal caos e dal disordine tipico delle grandi stazioni. In quest’area della zona ferroviaria di Termini prevale l’ordine, il bianco candido, la luce e soprattutto la tranquillità.

Questa terrazza- che permette di godere di una vista unica e originale – è una vera e propria oasi per rifugiarsi dal caos urbano e l’architettura ricorda quella delle grandi città moderne, come New York, Tokio e Bruxelles, tanto per restare in Europa. Tra l’altro, all’interno, c’è anche una graziosa e luminosissima zona relax, con area massaggi, dedicata a chi è in cerca di tranquillità. Insomma, pensata per i viaggiatori in cerca di ristoro e riposo, prima o dopo un viaggio, questa terrazza nuova di zecca è pensata per tutti coloro che vogliono staccare la spina per qualche ora.

FS4

FS2

Proprio come abbiamo fatto io e Marie, che – tra un racconto e un ricordo nostalgico dei tempi dell’Erasmus in Provenza – abbiamo dato uno sguardo distratto all’orologio accorgendoci così che si era già fatta l’ora di pranzo. E allora, la domanda nasce spontanea: “dove mangiare bene alla stazione Termini?”. Il complesso della stazione offre vari spunti e occasioni gastronomiche diverse, ma a volte si corre il rischio di finire affogati nella solita insalata rinsecchita, di ripiegare sul pezzo di pizza freddo o su un triste panino. Ma non è stato il nostro caso: dopo un rapido giro tra i nuovi locali da poco inaugurati sulla terrazza, abbiamo optato per la Crostaceria, una sorta di bistrot nostrano, ben curato e dall’atmosfra calda e accogliente (era ora che ne aprissero anche da noi!) all’interno della Food Court della terrazza, aperto praticamente sempre: dalle 7 del mattino, per una colazione come si deve, alle 22, per una tarda cena degna di questo nome.

FS3

Tra i piatti proposti, ho optato per un buon burger di salmone e una tempura di gamberi, ottima, non solo perché buona al palato, ma anche bella croccante e soprattutto asciutta, dettaglio ormai sempre più raro. Marie ha, invece, preso un cartoccio di calamari e due arancini di pesce: non avevano solo un aspetto molto invitante, erano anche ben fatti e gustosi. E, infatti, non è un caso che io e Marie abbiamo già pianificato il nostro prossimo viaggio e il nostro prossimo incontro alla Terrazza Termini: ci torneremo per provare i piatti tipici della tradizione siciliana della Crostaceria. In fondo, cosa c’è di meglio di un piatto ben fatto accanto all’amica di tante avventure?


Print Friendly

Lascia un Commento