Buffer

come rendere morbidi i dolciI dolci – se parliamo di ciambelloni, plumcake, pan di spagna e similari – sono buoni solo se al gusto si affianca una consistenza soffice e vaporosa. In caso contrario, anche il più gustoso dei plum cake risulterà poco gradito al palato. Ma come è possibile fare per rendere morbidi i dolci? Quali sono le tecniche e gli ingredienti per farli più soffici? Ecco qui di seguito alcuni metodi che ho sperimentato personalmente nel corso degli anni e alcune soluzioni alternative e light, che consentono di ottenere gli stessi risultati, togliendo però qualche caloria al prodotto finale.

Cinque consigli per rendere morbidi i dolci

  • Il primo è probabilmente quello che già avrete letto su tutti i siti di cucina e sentito anche dalle voste nonne: montare a neve ben ferma gli albumi. Ma cosa vuol dire esattamente? In uno degli ultimi romanzi di Chiara Gamberale, la protagonista di chiedeva proprio questo: cosa vuol dire montare gli albumi a neve ben ferma? Significa versare gli albumi in un contenitore stretto e alto, azionare le fruste elettriche e montare le chiare come fossero panna montata fino a quando la crema bianca che si otterrà non sarà bella compatta. Per fare la prova, basta rovesciare il bicchiere, se tende a cadere, occorre montare ancora con le fruste. Se resta ferma, sono pronte!
  • Il secondo suggerimento per rendere morbidi i dolci consiste semplicemente nell’aggiungere altro zucchero al composto rispetto alle dosi consigliate nella ricetta. Naturalmente si otterrà una torta più dolce e più calorica, ma il risultato è garantito. Per le quantità, potete regolarvi aggiungendo un 40-50% dello zucchero previsto dalla ricetta.
  • Per rendere un dolce più mobido basta sostituire una parte della farina prevista dalla ricetta con dell’amido di mais; il mio consiglio è di sostituire non più del 40% altrimenti l’impasto potrebbe sbriciolarsi al momento del taglio.
  • Un altro rimedio, questo decisamente light e alternativo, è sostituire le uova con dei semi di lino frullati: mettete 3 cucchiai di semi di lino nel frullatore, aggiungete 5-6 cucchiai di acqua e frullate fino ad ottenere una colla marroncina. Sì, l’aspetto non è dei migliori, ma andate avanti e versate questa cremetta collosa all’impasto, mescolate bene con una frusta e infornate. Il risultato? Anche il ciambellone più secco si traformerà in una torta umida e golosa, anche senza uova!
  • Un ultimo consiglio per rendere più morbidi i dolci consiste nel coprire la teglia con un foglio di alluminio: durante la cottura, il vapore che dalla teglia salirà si fermerà sul foglio formando così una condensa; questo aiuterà il dolce a rimanere più morbido, almeno in superficie.
Print Friendly
Come rendere morbidi i dolci? 5 consigli
Verdiana

Verdiana


Mi chiamo Verdiana Amorosi, ho 34 anni, vivo a Roma, ma mi sento a casa in qualsiasi posto del mondo. Adoro i viaggi, la cucina, i libri, le passeggiate all'aria aperta e i paesaggi provenzali. Dopo la laurea in lingue e letterature straniere, ho deciso di dedicarmi al giornalismo, sono diventata pubblicista e dopo alcuni anni di collaborazioni in vari settori ho virato definitivamente verso il web marketing. Oggi mi occupo di search marketing e - oltre ad adorare il mio lavoro e il mondo internet - ho una grande passione per il cibo sano e di qualità. Ho seguito corsi di cucina e panificazione tenuti da Sara Papa e nel tempo libero mi diverto a sperimentare nuove ricette o a rivisitare quelle tradizionali.


Post navigation


2 thoughts on “Come rendere morbidi i dolci? 5 consigli

  1. Ciao Verdianda mi chiamo Marli ho 60anni sonno brasigliana e amo cucinare ma purttropo il cibo buono dobbiamo farlo non si trova al supermercato. Amo i suoi consigli e ho un dubbio ?Doppo chi la pasta madre e pronta .. uso 250 grammi per le ricette e lo restante della pasta ? continuo a riinfrescarla?ma tutto qto e avanzato? ho devo rindrescarla qualque altra misura? Grazie e un abbracio per te.

    1. Ciao Marli, grazie per essere passata su questo blog! La pasta madre che avanza la devi rinfrescare, ma siccome aumenta di volume nel tempo, una vlta a settimana prendi quella in eccesso, che ti avanza dal rinfresco, e ci fai il pane (solo a base di ievito madre)!
      Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *