Buffer

Pan brioche all’arancia

pan brioche all'aranciaSì, lo ammetto volevo fare il pandoro, ma non ho avuto tempo di farlo. Negli ultimi mesi io e il mio blog siamo arrivati ad un compromesso: ho promesso di non trascurarlo, impegnandomi ad aggiornarlo una volta alla settimana, ma in cambio non deve pretendere i ritmi dell’anno scorso, con ricette sempre laboriose, lunghe e originali. Sembra abbia accettato, ma credo che prima o poi me la farà pagare.
In compenso, ho creato un pan brioche all’arancia profumatissimo, morbido e vellutato, che può essere servito tranquillamente al posto del panettone, in occasione delle feste natalizie, o come pan del mattino, per la prima colazione.
pan brioche arancia

Ingredienti per 3 pan brioche o 10 pan briochini:
circa 600/700 g di farina manitoba
15 g di lievito
150 g di burro
150 g di zucchero
la scorza di un’arancia
5 uova
una tazza di latte

Come fare il pan brioche all’arancia:

  1. Scaldate il latte per 2-3 minuti, scioglieteci il lievito e unite circa 200 g di farina setacciata, mescolate bene fino ad ottenere una pastella semiliquida (come quella che realizzate per pastellare i cibi destinati alla frittura). Coprite la pastella con della pellicola trasparente e lasciatela riposare per un paio d’ore in un luogo caldo.
  2. Trascorso questo tempo, riprendete la pastella, unite il burro sciolto a bagnomaria, le chiare delle uova montate a neve ben ferma e mescolate bene per amagamare fino ad ottenere una crema omogenea.
    primo lievitino per pan brioche
  3. Unite i tuorli, versandone uno per volta, mescolate bene per qualche minuto, qundi unite la scorzetta di arancia e lo zucchero. Fatto questo, unite a pioggia la farina, aggiungendone una manciata per volta, avendo cura di mescolare continuamente e di aggiungere altra farina solo quando la precedente sarà stata assorbita. Smettete di aggiungere farina nel momento in cui otterrete un impasto consistente, ma ancora molle e appiccicoso (più molle di quello della pizza o del pane per capirci).
  4. Impastate per una decina di minuti, poi trasferite la pasta sul vostro piano da lavoro infarinato e procedete con la lavorazione “a pieghe”: stendete con i polpastrelli l’impasto fino ad ottenere un rettangolo, piegate un lembo del rettangolo verso l’interno e poi piegate anche il lembo opposto sovrapponendolo all’altro: otterrete così un panetto ripiegato a tre. Ripetete l’operazione per 3 volte.
    impasto lavorato per pan brioche
  5. A questo punto coprite l’impasto con un panno asciutto e pulito, attendete 10-15 minuti e rilavoratelo leggermente, ripetete la stessa operazione: 10 minuti di attesa e reimpasto e poi lasciatelo lievitare per 3 ore circa.
  6. A questo punto, dividete l’impasto in 3 o in più pezzature, a seconda degli stampi che avete, imburrateli e sistemare le pezzature all’interno; ricordate però che le pezzature più grandi avranno bisogno di una cottura più lunga.
    fate lievitare 3 ore
  7. Fate riscaldare il forno a 180 gradi statico, infornate per 10 minuti, poi coprite i pan brioche con un pezzo di carta di alluminio, abbassate la temperatura a 160 gradi e proseguite per altri 15-30 minuti, a seconda della pezzatura. Per i pan brioche monoporzione basteranno 25 minuti di cottura in tutto, mentre per un pan brioche grande circa 45/50 minuti.
    cottura in forno pan brioche
  8. Una volta cotto, lasciate freddare e poi servite; conservate il pan brioche (possibilmente ancora tiepido) in buste da surgelamento, che lo mantengono morbido più a lungo.
    pan brioche all'arancia

Qui trovi la ricetta per i mini panettoni con noci e ciliegie candite

Come riutilizzare il pan brioche secco:
Dopo qualche giorno il pan brioche diventerà secco; per recuperarlo tagliatelo a fette, mettetele in forno a 120 gradi e lasciate cuocere per 10-15 minuti: otterrete così delle fette biscottate casalinghe profumatissime, ideali per la prima colazione.

Print Friendly

Lascia un Commento