Buffer

Fish and chips in pastella croccante di mais

fish-and-chipsIl fish and chips è uno dei piatti tipici della cucina inglese, dove l’accoppiata pesce impastellato e patatine fritte viene servito con salse golose e variegate: mousse di piselli, maionese con erbette o salsa al whiskey.

Quello che vi propongo in questo post invece è un fish and chips rivisitato in chiave finger food: pesciolini e patate avvolti da una pastella fatta con farina di mais e fritti in olio di arachide.
Il risultato è una frittura croccantissima fuori e morbida dentro!

Ingredienti per 4 persone:
400 g di pesci di paranza
1 calamaro
una manciata di gamberetti
una manciata di moscardini
4 patate grandi
6 cucchiai di farina di mais fioretto
8-10 cucchiai di acqua fredda frizzante
sale
olio di arachide per friggere

Preparazione:
1) Dopo aver sciacquato tutto il pesce, lavate, sbucciate le patate e tagliatele a spicchi.

2) A questo punto preparate la pastella: in una terrina versate la farina di mais, aggiungete l’acqua, 2 prese di sale e mescolate fino ad ottenere una pastella semiliquida. Se l’impasto dovesse addensarsi troppo, aggiungete altra acqua e mescolate ancora.

3) A questo punto accendete la friggitrice (oppure scaldate l’olio in una padella alta) e quando l’olio sarà ben caldo immergete i pesci e le patate nella pastella, aiutatevi con le mani per farla derire bene, quindi friggeteli pochi per volta fino a quando non saranno ben dorati, avendo cura di girarli spesso nell’olio per farli cuocere uniformemente. Una volta cotti, scolateli e adagiateli su carta assorbente.
Ripetete la stessa operazione per tutti i pesci, quindi scolateli bene, tamponate l’olio in eccesso e servite! Otterrete una frittura ambrata e croccantissima, in una sola parola: irresistibile!
Naturalmente mangiateli con le mani…altrimenti che finger food sarebbero?

 

Print Friendly

Lascia un Commento

Privacy Preference Center

    Close your account?

    Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?