Buffer

Come fare il timballo di anelli siciliani

timballo-anelli-sicilianiLa prima volta che ho assaggiato il timballo di anelli siciliani, ormai quasi venti anni fa, ero…a New York, a casa di due signori di Palermo, giunti nella Grande Mela molti anni prima.
Il timballo di anelli, più comunemente chiamati “anelletti”, è un vero e proprio simbolo della cucina palermitana: si trovano infatti quasi esclusivamente nella città di Palermo.
In passato era molto difficile reperire questo formato di pasta, ma per nostra fortuna, oggi lo è molto meno: alcuni negozi iniziano a rivenderla e alcuni pastifici siciliani fanno spedizioni online in tutto il mondo. In ogni caso, vi consiglio di andare a prenderla direttamente a Palermo: in questo modo potrete godervi una passeggiata in città e apprezzare così i suoi scorci inaspettati, la sua storia ricca di tante sfaccettature multiculturali, commistioni ed influenze diverse, presenti non solo nell’arte e nell’architettura del luogo, ma anche nella sua ricca cucina dai sapori barocchi.

Ingredienti per 5 persone:
450 g di anelli siciliani
1 carota
mezza cipolla
un gambo di sedano
400 g di carne macinata mista (vitella e maiale)
1 barattolo di passata
1 barattolo di pomodori a pezzettoni
mezzo bicchiere di vino bianco
4 cucchiai di olio evo
150 g di besciamella
250 g di piselli
2 manciate di Parmigiano (o Pecorino stagionato grattugiato)
pan grattato
un fior di latte

Preparazione:
1) Dopo aver lavato e pulito le verdure, tagliatele e fatene un trito fino con la mezzaluna (o con il coltello che preferite); poi fate scaldare una pentola capiente per un paio di minuti a fuoco alto, quindi aggiungete l’olio, abbassate leggermente la fiamma e dopo 2-3 minuti versate il trito di verdure, mescolate bene per farle imbiondire, poi unite la carne macinata.

2) Mescolate bene, sfumate con il vino bianco, fate evaporare tutto l’alcool alzando la fiamma per qualche minuto e lasciate cuocere a fuoco medio per circa 7-8 minuti; poi aggiungete la passata e i pomodori a pezzettoni, mettete del sale e proseguite la cottura per circa 35 minuti, avendo cura di girare spesso il sugo per evitare che si attacchi.

3) Nel frattempo lessate i piselli in abbondante acqua salata e scolateli non appena saranno al dente.

4) Una volta cotto il sugo, unite i piselli, mescolate, spegnete il fuoco e lasciate riposare.

5) A questo punto lessate gli anellini in abbondante acqua salata: fateli cuocere 10 minuti dall’inizio della ripresa del bollore, poi scolateli, uniteli al sugo e mescolate bene per condirli uniformemente.

6) A questo punto oliate una teglia capiente a cerniera, spolverizzatela con un paio di manciate di pan grattato (accertatevi che aderisca bene alle pareti del contenitore formando uno strato fino ma compatto), poi versateci metà della pasta, coprite con uno strato spesso di besciamella, spolverizzate con del Parmigiano e ultimate con uno strato di mozzarella a pezzettini; coprite tutto con la pasta rimanente, pressate e livellate bene con un cucchiaio (o una paletta), poi sbattete la teglia su un piano da lavoro, in modo da togliere eventuali vuoti d’aria e far assestare la pasta sul fondo.

7) Lasciate riposare il timballo per almeno 3 ore, poi spolverizzate la superficie con del Parmigiano e finitelo di cuocere in forno preriscaldato, a 180 gradi, per 10-15 minuti, poi sfornate, lasciate riposare 5 minuti, quindi tagliate a fette e servitela!

Print Friendly

Lascia un Commento