Buffer

Ricetta del contadino: la zuppa di cicerchie di Colfiorito

zuppa di cicerchieQualche giorno fa siamo andati a visitare il grazioso paesino di Colfiorito, in provincia di Perugia, e prima di tornare a casa, come spesso facciamo, abbiamo fatto la spesa direttamente dal contadino, che oltre a venderci le tipiche cicerchie, il farro e le patate del luogo (quelle rosse, polpose e sode, ideali da fare al forno, perché non si sfarinano) ci ha rivelato anche un’interessante ricetta tradizionale per il mio blog: la zuppa di cicerchie!
Io – come al mio solito – l’ho leggermente modificata, aggiungendo alcuni pezzettini di salame a cubetti, che mettono in risalto il sapore dei legumi senza intaccare la delicatezza del piatto.

Ingredienti per 2 persone:
400 g di cicerchie
3 spicchi di aglio
2 cucchiai di olio evo
(pezzettini di salame, a piacere)
1 barattolo di pomodori pelati
sale
timo
pepe
Parmigiano grattugiato

1)La prima cosa da fare è mettere le cicerchie in ammollo: versate i legumi in una ciotola capiente, copriteli con abbondante acqua fredda e lasciate così per circa 24 ore.

2) Poi sciacquateli e scolateli.

3) A questo punto, versate 3 cucchiai di olio evo nella vostra pentola a pressione (se non l’avete potete usare naturalmente una pentola normale, ma i tempi di cottura raddoppieranno), mettete sul fuoco basso e aggiungete gli spicchi d’aglio sbucciati, fateli dorare, poi aggiungete i pezzetti di salame (se volete), due prese di sale e versate il pomodoro, mescolate per un paio di minuti, aggiungete un pò di pepe e un pizzico di timo, poi versate le cicerchie, aggiungete 3 tazze d’acqua, chiudete il coperchio e fate cuocere 40-45 minuti dall’inizio del sibilo della valvola.

Se invece usate una pentola normale, lasciate cuocere per circa un’ora e venti minuti, girando spesso e aggiungendo acqua se necessario.
Alla fine, se vi piace, aggiungete anche un pizzico (ho detto un pizzico!) di peperoncino, che esalta ancora di più il sapore delicato di questa zuppa deliziosa.
Potete mangiarla anche tiepida!

Print Friendly

Lascia un Commento