Buffer

150 anni Unità d’Italia: il pane tricolore a forma di stivale

pane-a-forma-di-italiaVolevo fare un pane che ricordasse i 150 anni dell’Unità d’Italia, così ho fatto un impasto verde, uno bianco e uno rosso, li ho fatti lievitare e poi ho composto il nostro stivale sulla teglia foderata con carta da forno, su cui Gianluca aveva disegnato l’Italia.

Per l’impasto verde:
200 g di farina 0
200 g di farina di kamut
200 g di acqua
una manciata di spinaci crudi (frullati con metà dell’acqua necessaria per l’impasto)
8 g di lievito di birra
un pizzico di zucchero
2 prese di sale

Per l’impasto bianco:
200 g di farina 0
200 g di farina di kamut
200 g di acqua
8 g di lievito di birra
un pizzico di zucchero
2 prese di sale

Per l’impasto verde:
200 g di farina 0
200 g di farina di kamut
150 g di acqua
50 g di concentrato di pomodoro
8 g di lievito di birra
un pizzico di zucchero
2 prese di sale

Per ogni impasto (che ho fatto separatamente), ho unito prima tutti gli ingredienti – lasciando da parte solo il sale – e una volta amalgamato tutto ho aggiunto anche quello.
Poi ho messo gli impasti in tre terrine diverse – tutte ben oliate- li ho coperti con la pellicola trasparente e li ho lasciati lievitare per tre ore.

Poi ho ripreso gli impasti, li ho sgonfiati e li ho rilavorati per qualche minuto.
Fatto questo, ho iniziato a comporre lo stivale, cominciando dal verde del nord d’Italia: ho diviso l’impasto in tante palline e pian piano le ho posizionate e modellate (aiutandomi con una spatolina) seguendo i confini dello stivale tracciati sulla carta da forno; poi ho proseguito con il bianco (la parte più facile, perché priva di golfi e insenature strane), e ho concluso con il sud (la parte più difficile è la Calabria) e le isole.

Ho spennellato tutto con olio d’oliva e ho infornato in forno per preriscaldato a 200 gradi; ho lasciato cuocere per 15 minuti, poi ho abbassato la temperatura a 180 e ho fatto cuocere per altri 30 minuti.

Una volta sfornato e raffreddato, è pronto da mangiare: Viva l’Italia (chissà quando si faranno gli italiani!)

Print Friendly

2 commenti

  1. Francesca
    • lacucinadiverdiana

Trackback e pingback

    Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

    Lascia un Commento