Buffer

Risotto ai frutti di mare o alla pescatora?

risotto-alla-pescatoraNon ho mai capito quale sia il suo nome originale, ma da poco ho scoperto che il risotto alla pescatora (o ai frutti di mare) è una tipicità della cucina toscana. In realtà è anche uno dei piatti che viene meglio a mia madre, che è di origine calabrese.

Venerdì scorso sono andata a trovare i miei e indovinate cosa c’era a pranzo? Un delizioso piatto di risotto alla pescatora, quello sporcato con un pò di pomodoro, versione che io preferisco di gran lunga a tutte le altre.
Ecco la ricetta!

Ingredienti per 4 persone
400 g di riso Carnaroli
100 g di pomodori pelati
400 g di frutti di mare misti ben lavati e puliti (cozze, vongole, gamberi)
4 spicchi d’aglio
olio extra vergine di oliva
un bicchiere di vino bianco
prezzemolo
una carota
un gambo di sedano

Versate dell’olio in una pentola, mettetela sul fuoco, e quando inizia a scaldarsi aggiungete due spicchi d’aglio, lasciatelo imbiondire, poi unite le teste dei gamberi e fate saltare per qualche minuto.
A questo punto versate un litro e mezzo d’acqua, una manciata di sale grosso, una carota, un gambo di sedano e fate cuocere per circa 40 minuti, fino a quando non avrete ottenuto un bel brodo di pesce.

A parte, in un’altra pentola, versate un filo d’olio e mettete due spicchi d’aglio, quando iniziano a soffriggere versateci le cozze, le vongole e i gamberi che avete pulito, fate cuocere per qualche minuto, mescolando di tanto in tanto, poi aggiungete un bicchiere di vino bianco, alzate il fuoco per far sfumare bene l’alcool e una volta evaporato il vino versateci i pomodori pelati.
Mettete due prese di sale, poi mescolate, aggiungete il riso e mescolate ancora.

Quando il riso avrà iniziato ad asciugare il sugo di pomodoro, aggiungete qualche mestolo di brodo di pesce che avete preparato e mescolate: ripetete l’operazione fino alla completa cottura del riso (16-17 minuti circa).

A cottura ultimata, lasciate riposare qualche minuto e servite decorando i piatti con qualche fogliolina di prezzemolo!

Print Friendly

Lascia un Commento